Oggi devo fermarmi a casa tua

26 Lug 2021

ESERCIZI SPIRITUALI   – San Biagio 12-19 luglio 2021

“OGGI DEVO FERMARMI A CASA TUA” (Lc 19,5)

Beh, mo te sei persuasa,
l’Esercizi so’ finiti, se torna a casa.
T’arimetti er solito zinale
e aricomincia la vita normale.
Però nun po’ esse che nun è cambiato gnente,
in fonno in fonno… er core è più fervente!

A dilla proprio tutta, quarcosa dev’esse successa,
che t’ho da di’, me sento più connessa…
Semo partite bene da Ain Karim, co’ Maria
e questa sì, me pare proprio ‘na garanzia!
Lei che dopo er “SI” detto a Dio, è beata solo all’inizio
da allora, la vita sua sarà sempre e solo “servizio”.

Si continui er viaggio, dar “germojo” de Nazaret devi partì,
vivi er “semeron” l’oggi di Dio e povera t’hai da sentì.
Lui nella Sinagoga e tu ‘n cappella, sola
metti ar primo posto la Parola!
E quanno te sembra che nun ce la fai più
Lui, proprio Lui, come a Pietro, te fa scostà la barca: è Gesù!

Hai fatto scola, hai giocato ‘n cortile, hai pulito bagni; tutto a dovere!
T’aritrovi stanca, un po’ frustrata, ma Lui: “Non temere”!
E si quanno stamo in barca co Lui, ce lo scordamo
ne la casa de quer fariseo entramo.
Lui er fariseo “giusto” invita, ma nun L’accoje ‘n core;
lei, la donna de strada, tutta rannicchiata, compie gesti d’amore.

Nun te l’aspetteresti da una, che pe’ lavorà, è costretta a uscì la sera,
ma lei vive l’acqua de la verità, er bacio dell’affetti, er profumo de la preghiera.
Simone invece è ‘n poraccio, de misericordia…gnente!
Sarà pure un rispettabile, ma perdente.
Lei ‘n silenzio se riarza, è risanata;
la misericordia, che guarisce, l’ha sarvata!

Annamo avanti e lungo er cammino
incontramo un dottore de la Legge, un rabbino.
Vole fa’ er saputo e pe’ provallo
a Gesù, se mette a interogallo…
“La vita eterna Maestro, che cosa, chi me l’assicura?
Gesù ce dialoga e j’arisponne: Leggi la Scrittura!”

Nun finisce qui. Er rabbino num molla, se vo’ giustificà:
“Er prossimo mio chi è, chi devo amà”?
Er Maestro nun se scompone, nun lo porta lontano,
ma lo mette su la strada de la carità, quella der Samaritano
che vede er mezzo morto, se ferma, lo cura, paga pe’ lui e s’empegna a ritornà.
Ecco, dice Gesù ar dottore: “Questo, pure tu lo devi fa’”!

Faccio sintesi: la strada nun è più anonimato, indifferenza,
ma prossimità comunione accojenza…
Ecco ‘n villaggio… ‘na casa co’ du’ donne sorelle:
una nun se perde ‘na parola de Gesù, l’artra maneggia le padelle.
“Marta Marta er servizio tuo nun è inutile, è doveroso,
ma Maria ha scerto er servizio più prezioso”!

Lasciamo sta casa de passaggio
e rimettemose ‘n viaggio…
Però la casa delle tre A: Amicizia Ascolto Accoglienza
ce deve riequilibrà pe’ st’artra partenza.
‘Sta vorta annamo in periferia: semo invitate,
ma nun s’ammetteno né li primi posti, né l’assenze ingiustificate.

Se tratta de ‘n invito a cena, fatto a molti,
ma nessuno se presenta, nun so’ pronti!
Alla fine la sala de poveri storpi e ciechi se riempie,
so’ l’urtimi, ma pe’ loro la sarvezza se compie!
Imparamo a risponne a l’ora giusta: quella de Dio
e a occupa’ er posto scerto pe’ noi, da Lui, da Dio!

Luca adesso ce fa entrà in un racconto drammaticamente umano:
un fijo incasinato, l’artro geloso e un padre “sentinella”, cor core ‘n mano!
In tre atti se svorge l’azione:
degrado, reintegrazione, contestazione.
Peccato perdono conversione
è il cammino che ce porta a Dio ne la riconciliazione.

E mo, tra ‘na casa e la strada trovamo
un ricco che sciala e un mendicante che stenne la mano.
Er ricco nun arza l’occhi pe’ nessuno, penza solo a banchettà;
er povero invece giace piagato e affamato, senza dignità.
Ma er finale cambia la storia: Lazzaro, vicino a Abramo, è sarvato!
Er ricco, che vestiva de porpora e de bisso, s’è dannato!

Pe’ riflette: dentro me c’è Lazzaro e er ricco epulone.
E io so’ schiava, ma de quale faraone?
Arivamo a Gerico, in città:
un ometto pe’ vede Gesù, su un arbero lo sta a aspettà.
Gesù arza l’occhi, lo chiama e lo fa scenne da lassù.
Zaccheo se precipita e zompa giù!

Er peccatore ladro, co’ Gesù dentro casa, è felice;
sceje de cambià vita, s’arza e jelo dice.
E mentre l’invitati fanno “agogozon” sotto sotto,
lui, de la zavorra, se libera de botto!
Nun c’è peccato che nun po’ esse perdonato;
nun so’ stata io, è Lui che m’ha cercato!

Ripijate, er viaggio finisce e ricomincia da Gerusalemme, su un monte.
C’è ‘na croce: tra la vita e la gloria fa da ponte.
Gesù, er fijo de Dio, ar Padre obbediente
nun cede alla triplice tentazione miscredente.
Mentre er popolo guarda, li capi lo pijano ‘n giro pe’ dispetto:
se sarvi! Nun è lui l’eletto?

E pure quer manipolo de rozzi sordati
lo sbeffeggiano, so’ tutti prezzolati!
Nun basta: quello che je sta a lato de la croce
pe’ insultallo, aritrova la voce.
Ma Lui, l’abbandonato, Gesù nun scenne, nun se vo’ schiodà,
der Padre, a morì per amore, fa la volontà.

Sta pe’ finì ‘sto viaggio che pure c’è piaciuto.
Ma frena! Ce viè dietro ‘no sconosciuto.
A 7 mija da Gerusalemme du’ delusi,
tristi e un ber parecchio confusi,
parleno, parleno a vòto, lungo er sentiero
e nun s’accorgono che li sente er forestiero
che j’apre l’occhi e, er pane spezzato, je dà
e loro: “Resta co’ noi, nun te n’annà”!

Finarmente hanno capito,
ma Lui è già sparito!
È vero, la vita a nessuno fa lo sconto,
ma valeva la pena de vive ‘sta giornata che nun cià tramonto!
Allora torneno a Gerusalemme a testimonià, senz’ esitazione,
e co’ Maria e l’Undici riuniti, so’ Chiesa in missione.

Li giochi so’ fatti? È tutto finito?
No, tutto sta per cominciare:
accompagnate da don Bosco, domani in città
che, tra i rumori e il caos è immersa,
ci “guardiamo attorno” e ci aiutiamo a ritrovare
la strada che avevamo… persa e…
niente più paura, perché c’è Lui che:

“OGGI DEVO FERMARMI A CASA TUA”!

Novità

Amici e servitori della Parola

Questo sito utilizza i cookie per il suo corretto funzionamento. I dati registrati attraverso i cookie vengono utilizzati al solo scopo statistico. Se vuoi avere maggiori informazioni sull'uso dei cookie clicca qui.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi