Venerdì 22 aprile 2022 – FRA L’OTTAVA DI PASQUA

22 Apr 2022

DALLA PAROLA DEL GIORNO

«Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!».»

Gv 21,4-7a

Come vivere questa Parola?

Giovanni, nel suo Vangelo, sottolinea ripetutamente che Gesù Risorto stravolge il nostro normale modo di vivere gli avvenimenti della realtà e rileva la fatica che facciamo a riconoscerlo fuori di quelli che sono i nostri soliti e sclerotizzati schemi di azione e di pensiero. Uno sconosciuto dalla spiaggia dà indicazioni diverse, dà un’altra lettura, altre indicazioni. I discepoli toccano con mano che, seguendo quelle “indicazioni”, il problema della pesca assume un’altra soluzione. È l’alba di un nuovo giorno, che porta i discepoli e ciascuno di noi a fidarci di “questo sconosciuto” per trovare un altro modo di fare le cose, per imparare a farle alla “maniera di Dio” , per metterci dalla parte della fede e dare credito  a Dio.  Obbedendo si aprono gli occhi del cuore e quello sconosciuto prende nome: “È il Signore”!

 

Il Risorto si fa presente e non lo riconosciamo! O Cristo Risorto chiedici di superare le nostre vedute, donaci la grazia di farlo e allora i nostri occhi e il nostro cuore riusciranno a vederti! O Cristo Risorto donaci la tua pace!

La voce di Papa Francesco

“ In quella esclamazione: “E’ il Signore!”, c’è tutto l’entusiasmo della fede pasquale, piena di gioia e di stupore, che contrasta fortemente con lo smarrimento, lo sconforto, il senso di impotenza che si erano accumulati nell’animo dei discepoli. La presenza di Gesù risorto trasforma ogni cosa: il buio è vinto dalla luce, il lavoro inutile diventa nuovamente fruttuoso e promettente, il senso di stanchezza e di abbandono lascia il posto a un nuovo slancio e alla certezza che Lui è con noi.”

(cfr. REGINA CAELI 10 aprile 2016)

Francesco

Papa

Commento di suor Monica Gianoli FMA

gianoli.monica@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

Novità

Amici e servitori della Parola

Questo sito utilizza i cookie per il suo corretto funzionamento. I dati registrati attraverso i cookie vengono utilizzati al solo scopo statistico. Se vuoi avere maggiori informazioni sull'uso dei cookie clicca qui.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi