4 marzo 2022 – VENERDI DOPO LE CENERI

4 Mar 2022

DALLA PAROLA DEL GIORNO

           

Si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?» E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno». 

Mt 9,14-15

Come vivere questa Parola?

In un venerdì di quaresima sembra suonare un po’ strano un Vangelo che sembra un invito alla trasgressione del digiuno. Eppure Gesù non sta dialogando con persone qualunque, ma bensì con i discepoli di Giovanni Battista. Non basta però essere discepoli del Battista per essere santi come lui: il rischio di tutti i discepoli, in tutte le epoche, è quello di radicalizzare talmente tanto l’insegnamento del loro maestro fino al punto da tradirlo. Gesù tenta di far comprendere qual è il vero motivo del digiuno. Si può digiunare per vari motivi. Il digiuno vero a cui si riferisce Gesù non è fine a se stesso ma è in base alla relazione, per tale motivo parla di sé come dello sposo. È Lui il criterio di discernimento per capire l’opportunità di una cosa rispetto ad un’altra.

Maestro, sii Tu il motivo del nostro digiunare e ricordaci che soltanto così sarà autentico perché le motivazioni vere sono sempre qualcuno, mai qualcosa.

La voce di un Santo

“Il digiuno non germoglia se non è innaffiato dalla misericordia”.

 

 

 

Pietro Crisologo

Santo

Commento di Suor Emilia Di Massimo FMA

emiliadimassimo@libero.it

 

 

 

 

 

 

 

Novità

Amici e servitori della Parola

Questo sito utilizza i cookie per il suo corretto funzionamento. I dati registrati attraverso i cookie vengono utilizzati al solo scopo statistico. Se vuoi avere maggiori informazioni sull'uso dei cookie clicca qui.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi